ChinaSmartBuy

Novità e Opportunità tecnologiche dalla Cina

Contenuto Sponsorizzato
spazo pubblicitario in vendita
Recensione Tronsmart Onyx Ace: non chiamatele Airpods

Quando si tratta di dispositivi audio di consumo, Tronsmart ci piace molto. Non è un nostro feticismo, ma la conseguenza di tanti riuscitissimi modelli. Che si trattasse di speaker bluetooth come Element T6/T2 Plus e Groove, o di soluzioni TWS dall’interessantissimo rapporto qualità prezzo, come gli Spunky Beat e gli Onyx Neo, Tronsmart ha sempre fatto faville durante i test per le nostre recensioni. Anche questa volta le premesse ci sono tutte, e finalmente esploriamo la proposta TWS ibrida dell’azienda. Senza dilungarci oltre, vediamo insieme come si sono comportati i Tronsmart Onyx Ace!

Recensione Tronsmart Onyx Ace – Indice

recensione tronsmart onyx ace

Unboxing Tronsmart Onyx Ace

La confezione in cartonato è quella classica di Tronsmart, tra l’arancio ed il viola caratteristici del brand spiccano le principali caratteristiche del dispositivo. Sappiamo subito che supportano Qualcomm aptX, che sfruttano controlli touch e che hanno un’autonomia dichiarata di 24 ore. Passando al contenuto troviamo una classicissima dotazione:

  • Tronsmart Onyx Ace;
  • Case di ricarica;
  • Cavetto di ricarica USB/USB Type-C;
  • Manualistica anche in italiano e garanzia.

Tronsmart Onyx Ace – Design e costruzione

Al primo sguardo una cosa è chiara, non si tratta di cloni. Le intenzioni sono già chiare dal case di ricarica che prende le distanze dal solito design minimale delle ibride in commercio. Tronsmart ci mette del suo, e tenta timidamente di gettare le basi per reinventare il look ormai stantio del settore. Purtroppo non si tratta di modifiche sostanziali, ma da qualcosa si deve pur partire.

Case

Solido e compatto, il case in materiale plastico è ben assemblato. Qualche dettaglio cromato associato alla finitura lucida, lo distingue dalla massa, ed in soli 48 x 23 x 57.5 mm per circa 40 grammi di peso, include auricolari e 400 mAh di batteria. Frontalmente, nella parte cromata subito sotto lo sportellino, ci sono quattro LED che indicano la carica residua. Mentre sul fondo troviamo la porta USB Type-C per la ricarica. Tirando le somme: sta in ogni tasca, è comodo nella gestione e nella ricarica, fornisce info sulla batteria ed è leggero.

Auricolari ed ergonomia

Anche gli auricolari tentano un restyle del classico design ibrido, ma con meno successo. In questo caso infatti si hanno le mani legate, se si vuole arrivare ad una capsula ergonomica e discreta, c’è un sentiero già tracciato da seguire. Lo stelo si permette qualche dettaglio per riprendere lo stile adottato col case, un LED che indica il pairing e poco altro. Si percepisce chiaramente una qualità costruttiva, che se non fosse per il nome Tronsmart, non ci si aspetterebbe. La comodità è assicurata, anche se siete nuovi a questo di tipo di modello non ve lo farà odiare. Per il resto le caratteristiche di isolamento acustico e vestibilità sono sovrapponibili ai modelli più blasonati. Anche di fronte ad una corsa o un allenamento di media intensità gli Onyx Ace non si tirano indietro, stabilità niente male, ma soprattutto certificazione IPX5.

recensione tronsmart onyx ace

Connettività e gestione

Il protocollo Bluetooth 5.0 permette un appaiamento stabile e con un range piuttosto ampio. Anche il primo pairing sarà veloce, e tutti quelli seguenti sono automatici e praticamente immediati. Una volta estratti gli auricolari dal case si appaieranno ed una notifica sul vostro dispositivo indicherà la carica residua. C’è ovviamente la possibilità di sfruttarli in modalità mono oltre che stereo, ed anche in questo caso la gestione è semplice ed efficace.

Continuando a parlare di gestione del dispositivo, siamo felicissimi di constatare la presenza di gesture per la regolazione del volume direttamente degli auricolari. Altra utilissima implementazione è il segnale acustico che indica l’attivazione delle gesture a pressione prolungata.

  • Singolo tocco Dx: volume +;
  • Singolo tocco Sx: volume -;
  • Pressione di 2s DX: traccia successiva;
  • Pressione di 2s SX: traccia precedente;
  • Doppio tocco: Play/Pausa;
  • Doppio tocco in chiamata per rispondere o riagganciare;
  • Pressione di 2s in chiamata per rifiutare;
  • Triplo tocco per richiamare l’assistente vocale.

Ne consegue la possibilità di gestire facilmente ed a tutto tondo le potenzialità degli Onyx Ace.

Tronsmart Onyx Ace – Audio e chiamate

I Tronsmart Onyx Ace hanno un cuore Qualcomm QCC3020 con supporto aptX e AAC, driver da 13mm e ben 4 microfoni per la riduzione del rumore. Nonostante le specifiche di un prodotto non sempre si traducono in un’effettiva bontà dello stesso, quantomeno possono farci capire su che direzione è andata l’azienda. E Tronsmart cerca davvero di fare il salto di qualità.

In chiamata sono senza ombra di dubbio superiori alla media, la voce è chiara anche in contesti piuttosto rumorosi, su questa fascia di prezzo sarà davvero difficile trovare un valido contendente.

La riproduzione audio/video, invece, vede nel volume il suo principale punto di forza (i driver così grandi aiutano). L’equalizzazione generale è tendente all’enfasi di frequenza basse e medie, rendendo il sound generale leggermente ovattato e poco cristallino (è una questione di gusti, personalmente non la gradisco). Sono auricolari che vanno bene per qualsiasi genere musicale, anche se eviterei di consigliarle a chi ascolta prevalentemente musica jazz, sinfonica o strumentale in genere (soprattutto composizioni al pianoforte) perché i le frequenze alte vengono sovrastate dalle altre.

Di contro, però, questo tipo di equalizzazione aiuta durante la visione di contenuti in streaming più “cinematografici”, rendendo l’esperienza appagante (vengono esaltati soprattutto i dialoghi).

 

recensione tronsmart onyx ace

Autonomia

Buona l’autonomia, anche se quella dichiarata si riferisce ad un volume che è il 50% di quello massimo. Le 5 ore di autonomia promesse dai 40 mAh di ogni auricolare infatti si riducono, anche se non drasticamente, con un utilizzo classico. La solita osservazione che si fa per gli auricolari ibridi vale anche per gli Onyx Ace: a causa del minore isolamento acustico si tende a tenere più alto il volume. Ad ogni modo la carica è più che sufficiente per affrontare al meglio le giornate in mobilità, passeggiate o leggere sessioni di allenamento. Il case offre comunque 400 mAh per 4/5 ricariche.

Prezzo e conclusioni

I Tronsmart Onyx Ace rappresentano quel tipo di prodotto che più mi piace. Economico ma di qualità, che permette anche a chi non ha un budget elevato di poter usufruire di tecnologia “all’ultimo grido”. Unica “pecca”, volendo essere pignoli, è la mancanza di una gaming mode, per ridurre ancor di più la latenza generale (che, in ogni caso, è accettabilissima durante la visione in streaming). Se però siete stanchi dei cloni e volete un paio di auricolari ibridi validi, economici, compatti e completi, sono la scelta giusta.

A prezzo pieno le trovate (sia in bianco che nero) su GeekBuying a 32€ con spedizione dall’Europa/Italia. Ormai, però, dovreste averlo capito, una nostra recensione non è davvero finita senza un coupon sconto! Potrete averle a 27.50€, con spedizione dal Magazzino Italiano con il coupon NNNCNSMART.

Per restare aggiornati su eventuali nuove offerte, o per richiederne una, potete seguirci sulla nostra pagina facebookinviarci un messaggio oppure seguire nostri tre canali Telegram: ChinaSmartBuyAmazonSmartBuy e AliSmartBuy!

recensioni

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.