ChinaSmartBuy

Novità e Opportunità tecnologiche dalla Cina

Advertising
spazo pubblicitario in vendita
Recensione Honor Band 5: la vera alternativa alle Mi Band

Il panorama dei wearable da polso è vastissimo ed è strano pensare come si ritorni sempre a parlare di prodotti come la Mi Band 4. Abbiamo dato uno sguardo a tanti dei competitor della smartband di Xiaomi e finalmente abbiamo trovato chi può darle del filo da torcere. Oggi parliamo di Honor Band 5 che, al netto degli aggiornamenti promessi, rappresenta molto più di un’alternativa. Un dispositivo che potrete acquistare senza spendere più del dovuto e senza pensarci troppo. Eccovi la nostra recensione!

Honor Band 5

Design ed indossabilità

Sul fronte design, Honor Band 5 è indistinguibile dalla precedente Honor Band 4. Dimensioni peso e volumi sono praticamente sovrapponibili. Stesso cinturino in silicone e nessuna novità sul sistema di aggancio alla scocca del dispositivo. Al polso non da alcun fastidio ed anche la notte la si dimentica facilmente. Si è quindi puntato su un cavallo già vincente, e gli amanti delle linee più decise apprezzeranno sicuramente. Il sistema di ancoraggio al cinturino resta un po’ macchinoso ma permette di apprezzare la continuità delle superfici.

Display

L’interfaccia con l’utente è totalmente affidata al display AMOLED da 0.95″. Il rettangolo al quale eravamo già abituati, ma con risoluzione di 120 x 240 pixel, densità di 282 PPI e rivestimento in vetro curvo 2.5D. Il pannello gode di luminosità e contrasto sopra la media, che permettono una visibilità ottima anche in piena luce solare. Per uno schermo di piccole dimensioni, dal quale si possono controllare anche le notifiche, è una caratteristica da non sottovalutare! La luminosità è regolabile ed è possibile agire anche sui tempi di accensione del display grazie all’opzione “schermo acceso”.

Vista l’alta densità e l’ottima leggibilità dello schermo Honor ha ben pensato di implementare la personalizzazione dei quadranti.  Sulla Band 5 avremo alcune watchface tra le quali scegliere, e tramite app si arriva ad oltre 30 stili di quadrante diversi. I design sono molto curati e si può scegliere a seconda dello stile, delle colorazioni o in base al numero di informazioni disponibili direttamente sulla schermata principale.

Se opterete per watchface minimal vi basterà comunque un semplice tap sullo schermo acceso, per avere info sulla batteria, la connessione bluetooth, ed eventuali notifiche.

Honor Band 5

Hardware e software

Honor Band 5 offre una panoramica completa di funzionalità. Il monitoraggio è piuttosto accurato se si considera la fascia di appartenenza. I dati non possono essere sostituiti a quelli collezionati tramite apparecchi dedicati, ma la stima generale restituisce una buona idea delle più svariate attività giornaliere. Abbiamo molto apprezzato le funzionalità intrinseche dalla band almeno quanto l’interfaccia col software Huawei. Si può riassumere il tutto come: rapido e funzionale!

 VO2max

Ad affiancare le classiche modalità di monitoraggio sportivo c’è la misurazione del parametro VO2max. In circa un minuto si avrà la stima dell’ “ossigenazione del sangue”.

Si tratta di una semplificazione. Il massimo consumo di ossigeno (VO2max) è il parametro che esprime il massimo volume di ossigeno che si può consumare nell’unità di tempo per contrazione muscolare, espresso in millilitri per Kg di peso al minuto. Utilizzato come stima della capacità dell’organismo di trasportare l’ossigeno dai polmoni ai vari distretti durante l’attività aerobica.

Il parametro VO2max, la cui misurazione è arrivata con un aggiornamento a settembre 2019, completa il quadro delle funzionalità più classiche e posiziona la Honor Band 5 al di sopra delle concorrenti quanto riguarda la completezza delle informazioni biometriche offerte.

Gestione musica

La cura del software è evidente in tanti piccoli dettagli del dispositivo. La gestione della riproduzione è una caratteristica che abbiamo molto apprezzato per la sua utilità. Oltre ai semplici play/pausa e traccia precedente/successiva, ci sono infatti i comandi del volume. Sembrerà una sciocchezza ma, avendo a che fare con tonnellate di TWS alle quali spesso manca proprio la possibilità di gestire il volume autonomamente, questa feature acquisisce un’importanza non trascurabile. Tra l’altro, se si considera che spesso per avere la gestione del volume su auricolari wireless si finisce per spendere decine di euro in più, si può tranquillamente pensare di integrare le mancanze di auricolari più economici investendo in un dispositivo che offre anche molto altro.

Notifiche

Un innegabile punto di forza è la buona leggibilità del display che permette di visualizzare agevolmente mittente e messaggio. Non è possibile impostare risposte automatiche o rispondere con un messaggio vocale, sarebbe stato bello, ma non sono features che ci aspettavamo, soprattutto considerata la fascia di prezzo. Qualche piccola difficoltà anche con le notifiche in rapida successione, ma rispetto al capitolo precedente si va a migliorare.

Autonomia

Non si tratta di un’autonomia eccezionale, anche qui notiamo miglioramenti rispetto alla versione precedente e, senza sforzarla troppo, si può superare la settimana di utilizzo. Risulta ovvio che le stime di autonomia sono strettamente legate non solo al tipo di utilizzo, ma anche alla quantità di notifiche. Ci riteniamo comunque soddisfatti della batteria da 100 mAh di Honor Band 5.

Conclusioni e prezzo

Una smartband completa ed affidabile, comoda come poche al polso e dal design che apprezziamo tanto. Honor non ci ha delusi con la sua Band 5, e possiamo senz’altro ritenerla all’altezza di competere con le band più gettonate del momento, talvolta superandole. Il prezzo rimane stabile sui 30€ dalla Cina ma, se siete in cerca di qualcosa dall’Italia, potete seguirci sulla nostra pagina facebookinviarci un messaggio oppure seguire nostri tre canali Telegram: ChinaSmartBuyAmazonSmartBuy e AliSmartBuy!

recensioni

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.