ChinaSmartBuy

Novità e Opportunità tecnologiche dalla Cina

Advertising
spazo pubblicitario in vendita
Recensione Xiaomi Mi Air 2 Pro ANC: tra i migliori tws sotto i 100 euro

Xiaomi Mi Air 2 Pro ANC – L’unboxing

Si nota subito che Xiaomi vuole farsi spazio in una fascia di mercato popolata da dispositivi di un certo livello, fascia alla quale già appartiene in ambito smartphone. Il tutto si esprime con un look rinnovato: il total black dona una certa eleganza al packaging e sarà motivo portante del design del dispositivo. All’interno della confezione, sicuramente più curata rispetto al passato, troviamo:

  • Auricolari Xiaomi Air 2 Pro;
  • Case di ricarica;
  • Cavetto USB-A/USB-C per la ricarica;
  • Gommini in-ear in silicone, 5 paia, da XS a XL;
  • Manualistica in cinese.
Xiaomi Mi Air 2 Pro ANC

Xiaomi Mi Air 2 Pro ANC – Design e costruzione

Il nuovo design ricalca i nelle forme quello dei modelli passati. Nessuno stravolgimento apparente, ma a guardar bene ci sono tante piccole variazioni sul tema che ci offrono un prodotto di un altro livello.

Come abbiamo accennato si passa a toni decisamente più scuri, ed il look che ne deriva è sicuramente più in linea con le potenzialità del prodotto. Gli Xiaomi Mi Air 2 Pro prendono le distanze da TWS come Mi Air 2/2S, e mirano ad offrire un’esperienza premium. Questa, come vedremo, è ancora immatura per il nostro mercato ma, senza dubbio, è nelle corde di questi auricolari.

Case

Il case sfrutta linee leggermente allungate rispetto al passato, al passo con design più moderni. Il materiale plastico con finitura opaca utilizzato per la costruzione restituisce una sensazione di grande solidità. Questa, insieme alla qualità costruttiva rende piacevole e comodo il suo utilizzo. Anche la portabilità è buona, le dimensioni leggermente diverse non influiscono negativamente su questo aspetto, ed è semplice metterle nella maggioranza delle tasche.

Lo sportellino magnetico non perde un colpo e la chiusura ha un’adeguata resistenza, anche se la corsa non permette un’apertura che superi i 90°. Chi ha dita meno sottili potrà avere qualche difficoltà, almeno inizialmente, ad estrarre gli auricolari dal loro alloggiamento magnetico. Lo spazio infatti, pur non essendo risicato, non offre grandi margini di manovra. Per estrarre le capsule auricolari ci vorranno almeno due dita ed un grip che spesso manca. Tutto sommato però la loro collocazione permette di indossarle istintivamente senza complicate proiezioni, recuperando il tempo perso ad estrarle.

Ovviamente, abbiamo il classico tasto per l’accoppiamento, LED di stato e porta USB-C per la ricarica. Non manca il supporto alla ricarica wireless.

Xiaomi Mi Air 2 Pro ANC

Auricolari ed ergonomia

Piacevolissimo il nuovo design degli auricolari, anche se non particolarmente innovativo, riesce ad essere elegante e funzionale. L’ergonomia è ottima, ma cambia totalmente l’impostazione che passa da ibrida ad in-ear vera e propria. L’asticella a sezione ovale si snellisce e riesce ad equilibrare meglio le linee della capsula auricolare, ma anche a bilanciare i soli 6.5g di peso.

Le superfici touch rappresentano una piacevole discontinuità nella finitura. Queste sono infatti coperte da materiale ceramico che permetterebbe migliore precisone nei controlli. Vedremo che, in realtà, i comandi sono talmente scarni da risultare difficilmente confusi, e che la finitura risulta essere piacevole, ma principalmente alla vista. Il posizionamento dei microfoni, invece, risulterà ottimale ed inoltre abbiamo il sensore di prossimità.

Grande assente? Una qualsiasi certificazione IPXX. Un peccato se si considera la stabilità all’orecchio che offrono gli Xiaomi Mi Air 2 Pro. In barba a qualsiasi certificazione, vi posso dire che per un volume di allenamento “casalingo” e per una leggera pioggerella non dovreste avere timore di utilizzarle. Ma dobbiamo declinare qualsiasi responsabilità.

Xiaomi Mi Air 2 Pro ANC

Xiaomi Mi Air 2 Pro ANC – Connettività e gestione

La connessione è affidata allo standard Bluetooth 5.0, con tanto di supporto alla tecnologia LHDC ed ai codec audio SBC ed AAC. Aprendo il case e premendo il tasto laterale avvierete l’accoppiamento. In seguito basterà sollevare lo sportellino per vedere il pop-up con notifica di pairing e batteria residua (solo MIUI china).

Si passa senza problemi da un auricolare all’altro, infatti risultano essere completamente indipendenti. I comandi non hanno modalità differenti tra mono e stereo, non dando grandi possibilità di agire sulla riproduzione in entrambe le situazioni. La superfice ceramica passa in secondo piano se non si possono sfruttare comandi basilari, per non parlare del volume. Anche il passaggio tra le varie impostazioni ANC risulta essere un po’ noioso.

Xiaomi Mi Air 2 Pro ANC

App

Quanto riguarda l’app per la gestione degli Xiaomi Mi Air 2 Pro, bisogna affidarsi a XiaoAI. Si tratta dell’applicazione proprietaria Xiaomi, in cinese. Vi permetterà di intuire le potenzialità che il prodotto ha in patria, ma a conti fatti, potrete modificare a stento le gestures. Se non masticate il cinese, purtroppo, conviene un un tilizzo plug n’play. Un peccato se si considera l’integrazione con l’ecosistema Xiaomi e la possibilità di sfruttare i comandi vocali e le scene itelligenti per cui sono ottimizzati.

Audio e chiamate

Anche se in prima battuta non ci avevano entusiasmato, dopo due aggiornamenti (che potrete fare subito acquistandole adesso), l’audio è migliorato tantissimo, ed è ad alti livelli, tra le migliori in assoluto. È molto dettagliato con una lieve enfasi sulle basse frequenze, che però sono definite e non impastano le medie e le alte, altrettanto ben riprodotte. Dato il volume molto alto, mettendole al massimo potreste avvertire qualche leggera distorsione nelle alte con alcuni generi (rock/metal), nulla di drammatico ma lo facciamo presente nel caso in cui ascoltiamo solo o prevalentemente quei generi.

Anche in chiamata ci hanno sorpreso, con un’ottima riduzione del rumore e un buon audio. La voce non è 100% naturale e ha un po’ di “robotico”, ma sentiamo e ci sentono bene.

Xiaomi Mi Air 2 Pro ANC

Xiaomi Mi Air 2 Pro – ANC

Il primo passo di Xiaomi nel mondo della cancellazione attiva del rumore supera ogni rosea aspettativa. Non solo riescono ad attutire le frequenze basse ma anche parte di quelle alte, ed il “rumore” che percepiamo è nettamente inferiore a quello reale, anche in ambienti particolarmente affollati.

Soddisfacenti e funzionali anche la modalità ambiente, per rimanere vigili mentre siamo all’aperto, e quella antivento, che funziona molto bene anche a velocità sostenute sul monopattino.

Xiaomi Mi Air 2 Pro ANC

Xiaomi Mi Air 2 Pro ANC – Autonomia

Gli Xiaomi Mi Air 2 Pro sfruttano una batteria interna da 55 mAh e quella del case, da 500 mAh. Una singola ricarica, dice Xiaomi, garantisce 7 ore di riproduzione continuativa. Variazioni sensibili si hanno utilizzando codec diversi, ed ancor di più giocando con le impostazioni di cancellazione attiva del rumore. Ma in definitiva l’autonomia è in linea con la tipologia di prodotto, e gode di una veloce ricarica parziale che offre quasi un’ora e mezza di riproduzione a fronte di 10 min di ricarica. È presente, inoltre, la ricarica wireless.

Conclusioni

Gli Xiaomi Mi Air 2 Pro sono consigliatissimi per diversi motivi, a partire dal prezzo. Grazie al coupon fornitoci da Banggood, infatti, potremo acquistarli a circa 80 euro, che non sono pochi ma adeguati al tipo di prodotto. Hanno poi un ottimo audio (da primi della classe) e un’ottima cancellazione del rumore.

recensioni, Uncategorized

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.